Storia della banda musicale

La Banda Musicale ”Città di Casperia” ha iniziato la propria attività attorno al 1890, poi sospesa tra le due Guerre. Nel 1975, grazie all’iniziativa di alcuni musicanti della vecchia banda del dopoguerra, molti appassionati di quest’arte hanno ridato linfa vitale alla banda come arricchimento culturale, nonché sociale e morale.

Noi majorette abbiamo una storia che inizia nel 1999. Mi raccontano le allenatrici che la band si è esibita ad Avignone in Francia nel 2000, all’estate musicale organizzata nella Costa Brava spagnola nel 2006, nel 2011 a Kolin con la Banda Musicale della Repubblica Ceca Suchdolanka,

Di tutte le mie partecipazioni come majorette la prima in assoluto è quella che ancora mi emoziona: la partecipazione all’International Folklore Festival di Vienna ad agosto 2013. Illuminare di sorrisi e musica una città così splendida mi ha riempita di gioia infinita.

Festival Italiani

Da quando ho letto l’articolo sui migliori festival musicali italiani pubblicato sulla rivista Vogue Italia, mi sono appuntata alcuni eventi e spero di potervi partecipare se non con la mia banda almeno da spettatrice.

Uno è il Goa Festival Club di Roma dal 4 al 7 maggio
ho letto che i “Punti di forza sono, oltre alla storica location a due passi dal Tevere, i resident delle serate di punta della programmazione invernale. In questa rassegna di quattro giorni, a fare compagnia ad Adiel, Silvie Loto e Fabrizio Sala ci saranno tanti ospiti internazionali d’eccezione, come Carl Craig, Ricardo Villalobos e Paul Ritch.” Credo quindi che ne valga proprio la pena.

Un altro che mi interessa molto è l’Aperitivo Al Verde Festival a Castello di Godego (TV) appuntamenti musicali nel parco della magione settecentesca tutti rigorosamente di giorno e tutti immersi nel verde. Una novità che mi intrigherebbe molto.

Terzo ma non per interesse è il festival di Venezia che arricchisce la Biennale di Venezia, con musica elettronica nella isole più belle: Isola San Servolo e Baia del Forte. E quello di Ferrara tra giugno e luglio. Per ultimo, ma sempre non per interesse, quello di Ravenna a novembre. Ad interessarmi in particolare è il carattere avanguardistico del sound con eventi che vanno a occupare tre location di eccellenza: il Museo d’Arte della città di Ravenna, le Artificerie Almagià e ovviamente il Bronson Club.

Avrei voglia di esplorarmi tutta la penisola in un tour musicale da majorette ma anche da spettatrice per arricchire il mio orecchio musicale e carpire le differenze tra quello che proponiamo in Italia e cosa offre l’estero. Io sono avvantaggiata grazie alla mia partecipazione alla banda, ma credo che il patrimonio culturale italiano sia meno conosciuto in Italia che all’estero. Vorrei essere una cittadina che vive appieno la vita culturale della propria nazione. Beh, nel mio caso culturale corrisponde ampiamente a musicale per dirla tutta, anche se le due cose non si escludono in quanto posso visitare posti e città immensamente belle solo seguendo il meglio degli eventi musicali italiani.